Provincia
Protesta dei genitori contro le ferrovie
Studenti appiedati: chiesto l'intervento di Fontana
pubblicato il 28 dicembre 2018 alle ore 13:01
immagine
Studenti appiedati: chiesto l'intervento di Fontana

Bozzzolo Studenti appiedati a causa dei continui disservizi ferroviari e genitori costretti  a prelevarli perchè non hanno più le coincidenze per tornare a casa. Una situazione che si verifica giornalmente sulla tratta Mantova-Cremona e soprattutto nel tragitto di ritorno che dalla città dei violini porta a Bozzolo. Per questa ragione ieri sera il sindaco di Bozzolo  Giuseppe Torchio  ha convocato le famiglie coinvolte dal disservizio   predisponendo con loro una lista di richieste da presentare al presidente della Regione  Attilio  Fontana   il 21 gennaio prossimo. «Non è possibile che un territorio come il nostro che vanta ben tre realtà riconosciute e tutelate dall ‘Unesco quali  Mantova, Cremona e Sabbioneta presentino tali tipi di problema»,  ha detto il primo cittadino  aggiungendo che paradossalmente la conquista dei treni  diretti la cui fermata a Bozzolo è stata ripristinata dopo insistenze durate anni, ora  debba subire il taglio di ben due convogli:  quello delle 13,30 e delle 16,09. «Un vuoto di due ore che lascia i nostri figli abbandonati in stazioni lontane,  in attesa di successive coincidenze»,  hanno lamentato molte delle mamme presenti all’incontro. A questi inconvenienti si aggiunge quello degli autobus sostitutivi sui quali non tutti i  viaggiatori scesi dal treno vi  trovare posto. Come non bastasse,  da alcuni giorni pare sia stato tolto di mezzo lo Stradibus  quel pulman che copriva il tragitto attualmente penalizzato dal servizio ferroviario.
«Ogni giorno dobbiamo  andare a prendere i nostri figli che rientrano da scuola. Un disagio  che non può certo venire risolto nella maniera ideata da Trenord che disposto il 30% di sconto sugli abbonamenti per i viaggiatori delle linee cosiddette penalizzate. Torchio  fa affidamento sulla mediazione del vice segretario  cremonese della Regione  Pier Atiilio Superti    in contatto con il nuovo amministratore delegato di Trenord,   Marco Giovanni  Piuri.

r.p.
Commenti