Cronaca
Tragedia in sala operatoria
Morte di un 17enne, tre mesi per l'esito della perizia
pubblicato il 28 dicembre 2018 alle ore 12:57
immagine
Morte di un 17enne, tre mesi per l'esito della perizia

Mantova Assistere a un intervento chirurgico per acquisire la specializzazione e ritrovarsi indagato per omicidio colposo. È quanto è capitato a Filippo Ghidini, 29enne di San Giorgio, specializzando all'ospedale Gallucci di Padova, e all’altra specializzanda, Alessandra Rancan, indagati  per la morte di un giovane paziente,  Daniele Zanon, 17 anni, insieme  al direttore del reparto di Chirurgia Pediatrica, Piergiorgio Gamba, Guendalina Mognato, chirurgo pediatra, e Vladimiro Vida, vicedirettore della Cardiochirurgia pediatrica. Lunedì scorso è stato conferito l’incarico ad  Andrea Verzeletti dell’Istituto di Medicina legale di Brescia che ora ha 90 giorni di tempo per eseguire una perizia e accertare eventuali negligenze da parte dei medici che hanno eseguito l’intervento costato la vita al 17enne. Il giovane soffriva di una malformazione allo sterno e per risolverlo gli erano state applicate due barre di metallo per facilitare l'ampliamento della cassa toracica. Barre che il 17enne avrebbe dovuto tenere per tre anni ma che già dopo un anno era stato necessario rimuovere per delle complicazioni che erano insorte. Durante la rimozione delle barre il 17enne era stato colto da una emorragia che non gli aveva dato scampo. Secondo una prima ipotesi l’emorragia sarebbe scaturita dalla rimozione delle barre che nel frattempo avevano aderito a polmoni e aorta.

Redazione cronaca
Commenti