Cronaca
Inaugurato oggi a Brescia
VIDEO - Anno Giudiziario: il Pg parla di Mantova
pubblicato il 27 gennaio 2018 alle ore 21:18
immagine
Il Presidente della Corte d'appello di Brescia, Claudio Castelli, all'inaugurazione dell'Anno giudiziario

Brescia - Si è tenuta stamattina, sabato 27 gennaio, a Brescia l'inaugurazione dell'Anno giudiziario. Bilancio positivo nell'intero distretto per il presidente della Corte d'appello di Brescia, Claudio Castelli, il quale nella sua relazione ha tra l'altro ricordato la sentenza della Corte di Cassazione in merito alla vicenda della strage di Piazza della Loggia. «Siamo in una delle parti d’Italia dove la giustizia funziona, con difficoltà, ma funziona» - ha dichiarato lo stesso presidente della Corte d’Appello - «I dati di quest’anno sono complessivamente positivi - ha sottolineato - occorre però un salto di qualità. Se riuscissimo a fare una più adeguata selezione dei casi che ci pervengono, un'oculata scelta dei canali processuali, un minor afflusso di processi nella fase dibattimentale e quindi poter ottenere tempi più rapidi anche per le eventuali impugnazioni, avremmo un risultato migliore per tutti». Stando ai dati elencati, sono in forte aumento i reati sessuali con oltre 500 episodi denunciati all’interno dell’intero distretto contro i 429 casi dell’anno precedente. I casi di stalking sono passati da 749 a 832. «Risultano in diminuzione le rapine e i furti» ha aggiunto Castelli che ha poi concluso affermando: «Tra i delitti di maggiore gravità e allarme sociale ci sono 69 iscrizioni per peculato (57 l’anno precedente) e 28 per corruzione (22 il dato precedente)».

Dal canto suo, il Procuratore generale Pier Luigi Maria Dell'Osso ha anche elogiato il lavoro della Procura del capoluogo virgiliano, citando l'esito del Processo Pesci sulla 'ndrangheta nel Mantovano e lanciando infine l'allarme sulla dilagante corruzione presente anche nel nostro territorio. (r.cro.)

Commenti