Video
Il prologo della tragedia di Canneto
Risolto il "giallo" della barista aggredita all'alba
pubblicato il 10 settembre 2018 alle ore 10:10
immagine
Risolto il "giallo" della barista aggredita all'alba

Canneto sull'Oglio Ci sono accertamenti in corso, tagliano corto i carabinieri a proposito dell'aggressione notturna subita da una barista (video) che alle 4 di sabato mattina si è trovata faccia a faccia con una donna vestita  di nero che le si è scagliata contro armata di due grossi coltelli. Di fatto anche questo caso è praticamente chiuso, perché la donna che è sfuggita all’accoltellatrice notturna l’avrebbe riconosciuta nella 58enne polacca in carcere per l’omicidio di Canneto. E' una sorta di prologo della tragedia che si sarebbe consumata poche ore dopo in paese quanto accaduto davanti a una tabaccheria in centro a Canneto. Il tam tam era partito propriod a lì. A lanciare l'allarme era stato Diego Stefani, titolare dell'Osteria di Diego di via Garibaldi. La sua compagna, Paola Visini, era appena sfuggita a un agguato per strada. Stava prendendo le  sigarette al distributore automatico quando era stata assalita da una donna armata di coltello, e per fortuna era riuscita a difendersi. Alle 4.33 veniva lanciato l'allarme via facebook. Fin da subito si parlava di una donna in stato confusionale con addosso una t-shirt nera e un paio di pantaloni bianchi e neri, che si era allontanata a piedi sotto la pioggia in direzione di Bizzolano (frazione di Canneto). Il post è stato condiviso da decine di persone che nelle ore seguenti hanno chiesto aggiornamenti su questa vicenda. Poi, visto che non se ne sapeva più nulla, l'attenzione è andata scemando. Solo dopo la tragedia in piazza a Canneto si è cominciato a collegare i due fatti. Ciò che stanno facendo ora i carabinieri. Per i cannetesi non ci sono dubbi che si tratta sempre della stessa persona, mentre gli investigatori non possono dare nulla per scontato.

 

Foto
Commenti