Sport
A Roma 30.000 spettatori
Formula E: spettacolo per il GP dei bolidi elettrici
pubblicato il 21 aprile 2018 alle ore 11:16
immagine
Il passaggio di un bolide elettrico

Roma - La scorsa settimana Roma ha ospitato il primo Gran Premio italiano di Formula E, tappa del campionato mondiale 2017-18 delle monoposto elettriche. L’emozionante gara è stata vinta dall’inglese Sam Bird alla guida di una DS Virgin Racing e il successo dell’evento, che ha portato sul circuito oltre 30mila persone, ha convinto organizzatori e amministratori a siglare un’intesa per riportare il GP nella Capitale per i prossimi 5 anni. Se vi siete persi quest’avvenimento sportivo avrete quindi modo di rifarvi in futuro, leggendovi nel frattempo la nostra pagella.

Tracciato: un circuito cittadino innegabilmente ben pensato, con lunghi rettilinei, curve a gomito e chicane su un asfalto rifatto per l'occasione dagli organizzatori. L'EUR non è certo la zona dei Fori Imperiali, ma le auto che sfrecciano tra i palazzi accanto all'obelisco o alla Nuvola di Fuksas lasciandosi alle spalle il Colosseo Quadrato hanno un fascino indescrivibile. Voto: 9

Luca Filippi: un italiano al volante è sempre motivo di orgoglio. Al mattino ai box lo abbiamo visto rilasciare interviste, stringere mani e trovare anche il tempo per parlare con giovani fan e aspiranti piloti. L'ottimismo iniziale non ha trovato conferme nella sfortunata sessione di qualifiche, che ha poi compromesso la gara, ma ha lottato comunque senza mai arrendersi. Voto: 8

Logistica: realizzare un circuito in mezzo ai palazzi non è uno scherzo, ma qualche cartello in più per orientarsi non guasterebbe e qualche uscita aggiuntiva potrebbe aiutare lo sfollamento al termine della gara. Imponente lo spiegamento di forze dell'ordine, volontari e guardie private, ma ATAC sembra non essersi accorta dell'evento: nessun bus o corsa metro aggiuntiva, con conseguente assalto all'arma bianca delle poche corse. Voto: 5

Spettacolo: tra sportellate, pezzi in carbonio che schizzano dopo gli scontri, cambio auto a metà gara con annesso salto del pilota e colpi di scena all'ultimo giro per esaurimento batterie, durante l’ora di gara non c'è certo il tempo per annoiarsi. Voto: 10

Motori: il ronzio dei veicoli elettrici sarà pure il futuro, ma nel presente fa ancora storcere il naso agli amanti dei cilindri. In fondo però il fascino della Formula E sta proprio nel veder bolidi più silenziosi di un aspirapolvere sfrecciare sul circuito e raggiungere i 100 Km/h in meno di tre secondi. Giudizio sospeso.

Emanuele Goldoni

Foto
Video
Commenti