Cronaca
VIDEO - A Mantova nel 2017
Crescono incidenti e feriti, ma nessun decesso
pubblicato il 24 marzo 2018 alle ore 15:25
immagine
Crescono incidenti e feriti, ma nessun decesso

Mantova - Sono stati resi noti stamane, venerdì 23 marzo, i dati statistici relativi agli incidenti avvenuti sul territorio comunale di Mantova nell’anno 2017. La Polizia Locale ha rilevato un totale di 266 incidenti stradali, con un incremento percentuale pari al 2,3% rispetto all’anno precedente, nel corso del quale erano stati rilevati 260 incidenti. Sul totale complessivo di 266 incidenti stradali registrati nel 2017, 195 sono stati con feriti (1 in più rispetto all’anno precedente), 71 con soli danni ai veicoli o alle cose e nessun incidente mortale. Da un punto di vista prettamente numerico, è emerso che la maggiore incidentalità ha interessato le principali arterie di penetrazione e di attraversamento della città, tra le quali spiccano su tutte via Cremona, con 17 incidenti, e strada Circonvallazione Sud, con 16 incidenti. Come detto, sono stati 266 gli incidenti stradali rilevati nel 2017 e sono rimaste complessivamente coinvolte 737 persone tra pedoni, conducenti ed eventuali trasportati di veicoli. La percentuale delle persone che hanno subito lesioni mentre si trovavano a bordo di autovetture coinvolte in incidenti stradali rispetto al totale complessivo dei feriti registrati nel 2017 è pari a circa il 51,8% (30,9% per quanto riguarda i conducenti ed il 20,9% per quanto concerne i trasportati), con un aumento del 10,6% rispetto al 2016. Riguardo, invece, alle sole persone a bordo di autovetture, il rapporto percentuale feriti/illesi tra conducenti e trasportati, il dato si differenzia in maniera sostanziale con il 24% nei conducenti ed il 32,7% nei trasportati. Rispetto all’anno 2016, si registra un aumento del rapporto feriti/illesi del 4% per quanto riguarda i conducenti e un aumento del 3,1% per quanto riguarda i trasportati.

Inoltre nel 2017 si sono verificati 59 incidenti stradali con il coinvolgimento di autobus o autocarri, 5 in più rispetto al 2016, con una percentuale pari al 22,2% sul numero totale degli incidenti rilevati nell’anno in esame e con un aumento del 1,4% rispetto al 2016. Scorporando il dato si rileva che sono stati 7 gli incidenti stradali con il coinvolgimento di autobus, 1 in più rispetto al 2016.

Sempre nel corso del 2017, sono stati 42 gli incidenti con il coinvolgimento di motocicli, 15 in meno rispetto al 2016. Percentualmente, sul numero complessivo degli incidenti stradali del 2017, quelli che hanno visto il coinvolgimento di motocicli rappresenta il 15,8%, con una diminuzione di 6,2 punti percentuali rispetto al 2016. Complessivamente, le persone coinvolte a bordo di motocicli sono state 45: 36 ferite (34 conducenti e 2 trasportati) e 9 illese (7 conducenti e 2 trasportati). I motociclisti feriti (conducenti e trasportati) rappresentano il 13,2% del totale dei feriti del 2017, con una diminuzione pari a 8 punti percentuali rispetto al 2016, anno in cui ne erano rimasti feriti 54 su un totale di 255 persone ferite. Sulla base della ricostruzione della dinamica dei 42 incidenti con motocicli, in 20 circostanze i motociclisti sono stati ritenuti causa o concausa del verificarsi dell’evento, con una percentuale pari a circa il 46,6 % del totale. Tra le violazioni più ricorrenti ravvisate nei confronti degli altri conducenti di veicoli coinvolti nei sinistri, risultano essere 13 omesse precedenze imposte da apposita segnaletica, 7 immissioni da area privata e 5 cambi di direzione creando pericolo e intralcio. Per quanto riguarda i motociclisti, tra le violazioni più ricorrenti 5 riguardano la mancata distanza di sicurezza, 3 il sorpasso all’intersezione, 7 la perdita di controllo e 3 omesse precedenze imposte da apposita segnaletica.

Per quanto attiene invece i ciclomotori, sono stati 23 gli incidenti con il coinvolgimento di tale categoria di veicoli, 7 in più rispetto al 2016. Sul numero totale degli incidenti stradali, quelli con ciclomotori rappresenta il 8,6%, con un incremento del 2,5% rispetto al 2016. Complessivamente, le persone coinvolte a bordo di ciclomotori sono state 25, tra conducenti (20 feriti e 3 illesi) e trasportati (1 ferito e 1 illeso). I ciclomotoristi feriti (conducenti e trasportati) rappresentano il 7,7% del totale dei feriti del 2017, con un incremento pari a 2,7 punti percentuali rispetto al 2016, anno in cui ne erano rimasti feriti 13 su un totale di 255 persone ferite. Sulla base della ricostruzione della dinamica degli incidenti stradali, in 13 circostanze i ciclomotoristi sono stati ritenuti causa o concausa del verificarsi dell’evento, con una percentuale pari a circa il 56,5% del totale. Tra le violazioni più ricorrenti ravvisate nei confronti degli altri conducenti di veicoli coinvolti nei sinistri risultano esservi 3 mancate precedenze e 7 immissioni/svolte. Per quanto riguarda i ciclomotoristi, tra le violazioni più ricorrenti 4 riguardano immissioni/cambi di direzione, 3 sorpassi e 4 perdite di controllo.

Per quanto attiene invece i pedoni, nell’anno 2017 si sono verificati, complessivamente, 22 incidenti stradali con il coinvolgimento di pedoni, 2 in meno del 2016, che sul totale degli incidenti rappresenta, in percentuale, il 8,3%, con un decremento del 0,9% rispetto al 2016. Nei 22 incidenti stradali del 2017 sono rimasti coinvolti 22 pedoni. Di questi, 21 hanno subito lesioni. I pedoni feriti rappresentano il 7,7% rispetto al totale delle persone ferite nel 2017, con un decremento di circa l’0,9% rispetto al 2016. Sulla base della ricostruzione della dinamica degli incidenti stradali, in 18 casi i conducenti di veicoli sono stati ritenuti causa o concausa del verificarsi dell’evento che, percentualmente, rappresenta circa il 81,8% del totale. Tra le violazioni più ricorrenti ravvisate nei confronti dei conducenti di veicoli coinvolti nei sinistri risultano essere 17 casi di omessa precedenza ai pedoni sugli attraversamenti pedonali. Per quanto riguarda i pedoni, 3 casi riguardano l’omesso utilizzo delle strisce pedonali poste a meno di 100 m, mentre in un altro caso l’investimento avveniva a seguito di un improvviso balzo effettuato dal pedone verso la carreggiata proveniente dalla pensilina di una fermata bus. (r.cro.)

Commenti